Blog: http://aleiorio.ilcannocchiale.it

LO STATO IN CALABRIA C'E', PAROLA DI MARONI

   


   Da almeno venti anni, sotto agli occhi di tutti, 5000 immigrati si spostano seguendo le stagioni, si chiama nomadismo agricolo: a settembre in Sicilia, tra ottobre e marzo in Calabria, poi in Puglia e in Campania. Se gli va bene vengono pagati 18-20 euro al giorno per 12-14 ore di lavoro, vivono ammucchiati in ex fabbriche ed in bidonville senza acqua e senza luce, sfruttati da imprenditori e mafiosi, dimenticati da enti locali e istituzioni regionali e nazionali.

800 immigrati ammassati nell'impianto (mai entrato in funzione) dell'ex Opera Sila sono più o meno gli stessi che vivevano, in condizioni analoghe, nell'ex cartiera di Rosarno, chiusa dopo il ferimento a pistolettate, un anno fa, di due immigrati e una prima rivolta, gli 800 hanno solo cambiato ''inferno''. Intanto i due Comuni interessati, Rosarno e Gioia Tauro, sono stati (e non e' certo una coincidenza...) sciolti per infiltrazione mafiosa. Ma neanche la diretta gestione da parte delle prefetture attraverso i commissari straordinari è stata capace di dare una svolta.


    Proprio nella tanto disastrata Calabria due paesi della zona ionica, Caulonia e Riace, sono esempi di integrazione, apprezzati e studiati anche all'estero. Addirittura ospitano, su richiesta degli organismi internazionali, i profughi dei campi palestinesi. Dunque, si può agire nella legalità e nella civiltà, e non solo nell'efficiente Trentino dove, in Val di Non, 7000 immigrati, tutti regolari, sono pagati 6,90 euro all'ora per 8 ore di lavoro a raccogliere mele, con vitto e alloggio assicurato dai datori di lavoro, sotto il rigoroso controllo della provincia di Trento e dei Comuni della zona.


    Tutto questo voi già avete potuto avere la possibilità di saperlo, ma forse vi è sfuggito che secondo Maroni  (ultimissima dichiarazione dopo le altre farneticanti), lo Stato in Calabria non è mai venuto a mancare...ma allora, lo Stato è mafia.


Secondo Cuto, della Lega, il terzo manifesto è un falso - i dati del mio scritto sono stati presi da "Avvenire".

    

Pubblicato il 13/1/2010 alle 11.27 nella rubrica politica int..

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web