Blog: http://aleiorio.ilcannocchiale.it

Il vertice FAO fra buffoni di corte e party fra amici

   




    Secondo il direttore generale della Fao, diversi Paesi africani, asiatici e latino-americani, hanno dimostrato che è possibile ridurre il numero delle persone che soffrono la fame. Segno, ha aggiunto, "che sappiamo cosa bisognerebbe fare e come farlo per sconfiggere la fame" (peccato che non fanno nulla, aggiungo io). In un vertice che si è dimostrato il solito party fra amici, è stato Diouf a dare i "numeri": "per eliminare la fame dalla faccia della terra servono 44 miliardi di dollari in assistenza allo sviluppo. Una cifra piccola se consideriamo che per sostenere l’agricoltura nei Paesi sviluppati vengono spesi 365 miliardi di dollari e che in armi vanno via 1.340 miliardi di dollari nel mondo. In alcuni Paesi sviluppati tra il 2 e il 4% della popolazione è in grado di produrre abbastanza da nutrire l’intera nazione e persino esportare, mentre nella maggioranza dei Paesi in via di sviluppo, l’impegno del 60-80% della popolazione non è sufficiente a far fronte alle esigenze alimentari del Paese". Oltre i numeri?


    Intanto il nostro beneamato buffone di corte esordisce con una poco felice barzelletta su Marx e l’amico Gheddafi organizza un ricevimento in villa nella capitale, dove invita 200 ragazze per spiegare che “l'Islam non è contro le donne”, anzi il Corano “elogia continuamente il ruolo delle donne”. Tutte rigorosamente tra i 18 e i 35 anni, selezionate da un'agenzia di hostess. Alle ragazze sono stati consegnati alcuni fogli: «Scrivete una domanda da rivolgere al colonnello», è stato l'ordine. Prima, durante il pomeriggio, c'era stata la selezione in un hotel di Roma. Tre i requisiti essenziali: servivano alte, belle (almeno 1,70), ma castigate nell'abbigliamento. Niente minigonne e niente scollature vertiginose. Attirate dalla curiosità di uno scambio di opinioni con il leader e dalla promessa di «regali libici» - ma il dono è stato un Corano e il libretto verde della Jamaria - le ragazze hanno accettato un modesto cachet: 50 euro per partecipare alle feste. Questo per il Colonnello è l’Islam “dalla parte delle donne”? Che anche Gheddefi sia stato contagiato dalla pestilente berlusconizzazione delle donne?


    Ricordo che Berlusconi, al vertice mondiale della Fao del 2002, interrompendo il presidente del Togo Gnassingbè Eyadéma che spiegava la tragedia del Malawi, dove 13 milioni di persone morivano di fame, disse: “Bisogna accorciare i tempi degli interventi perché la nostra non sarà una tragedia, ma anche noi abbiamo fame”.


    Per me è il solito schifo e la storia si ripete.

Pubblicato il 18/11/2009 alle 12.38 nella rubrica politica est..

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web