Blog: http://aleiorio.ilcannocchiale.it

La crisi non può far male

      
   
    Un po' di vera crisi non farebbe male, chissà...qualcuno potrebbe iniziare a riflettere.
Nella globalizzazione del capitalismo selvaggio, in cui per ogni dollaro di PIL vengono "prodotti" tre dollari di debito pubblico; dove le banche non si fidano e si fregano fra loro ma pretendono la fiducia di chi all’amo abbocca; in cui la Cina possiede dal 25 al 30% del debito pubblico USA ed ora abbassa i tassi d’interesse e compra ancora titoli americani; dove tutto ciò che era di pubblico interesse è stato svenduto con, attraverso, ed alla finanza più spietata; in cui nel liberismo più sfrenato si "snazionalizza" e si "rinazionalizza" secondo gli interessi dell’oligarca di turno; dove 24.000 persone muoiono ogni giorno per fame o cause ad essa correlate e i tre quarti dei decessi interessano bambini al di sotto dei cinque anni d'età; in cui le risorse del nostro pianeta sarebbero in grado di nutrire il doppio dell'attuale popolazione terrestre e il 15% degli abitanti della Terra consuma il 56 % delle risorse, mentre nella "civiltà" dei grandi consumatori si usa la revolving pure per comprare il pane; dove negli anni ‘60 il 20% degli abitanti più ricchi della terra disponeva di un reddito 31 volte superiore rispetto a quello del 20% degli abitanti più poveri e nel 1998 il reddito del 20% dei più ricchi era 83 volte superiore a quello del 20% dei più poveri; in cui gli stati più "liberi" e "democratici" usano il debito pubblico ed il risparmio bancario per finanziare le guerre più atroci; dove un papa si permette di fare sermoni al popolo affermando che chi costruisce la propria vita sul denaro costruisce sulla sabbia…attento che S.Pietro crolla! In un mondo dove poche famiglie tengono nelle mani con la menzogna milioni di persone e intanto, nel mondo della finanza ci si preoccupa di affamare sempre più i poveri e intanto i ricchi sono sempre più ricchi.
    No, non sarebbe male se il Popolo iniziasse a riflettere.

Pubblicato il 14/10/2008 alle 9.1 nella rubrica cultura e società.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web