.
Annunci online

  aleiorio Pensiero e Azione
 
Diario
 


 

 

Questo blog non è a scopo
di  lucro,  non  rappresenta
una  testata giornalistica in
quanto  viene  aggiornato
senza  alcuna  periodicità.
Non è pertanto un prodotto
editoriale  ai   sensi  della 
legge n. 62 del 7.03.2001.
Immagini  e foto  vengono 
perlopiù prese da internet,
qualora   dovessi   violare
diritti vari, comunicatelo e 

provvederò alla rimozione
del materiale. 

  
 

 http://www.wikio.it
  
il Taggatore
 
MigliorBlog.it

BlogItalia.it - La
directory italiana dei blog

Aggregatore notizie RSS

Il Bloggatore

 

Blog Directory

Blog360gradi - L’aggregatore di notizie a 360°
provenienti dal mondo dei blog!

Independent Political Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Palestine Blogs - The Gazette

 Visita Top Amici di Web-Link!

 Visita Top Amici di Web-Link!

 Bookmark and Share

 Palestine Blogs - The Gazette
   Sabbah Report - Because Silence Is Complicity!

  La Top dei Super Siti

Locations of visitors to this page

 


5 ottobre 2010

Attentato a Belpietro, io non ci credo.

  

   Basta con tutte le stronzate sugli attentati, dopo la bufala del terrorismo internazionale, con il quale si vogliono manipolare le menti di sei miliardi di persone, pretendono di farci bere la storiella dell'attentato a Belpietro. La colpa è di Di Pietro e dell'estrema sinistra (chi l'ha vista?), di Al Qaeda e un qualunque Mohammed....Io vedo un solo terrorismo, quello di stato. Quel terrorismo che ha travolto il mondo con la strategia dello shock.

http://www.altrainformazione.it/wp/terrorstorm/la-strategia-dello-shock/

L'incredibile caso Belpietro invece lo trovate qui:
http://video.excite.it/attentato-belpietro-dubbi-sul-web-una-montatura-V53812.html

Uomini siate non pecore matte...



5 dicembre 2008

ancora bombe made U.S.A. and other made

      

      Come sono democratiche queste superpotenze superdemocratiche: bombe per tutti o per nessuno!

"Impedire la produzione, la vendita, l'utilizzo e il commercio delle cluster bomb: entro otto anni". E' questo l'obiettivo del Trattato per la messa al bando delle bombe a grappolo, la cui firma è in corso a Oslo.

Alcuni paesi produttori e non di questi ordigni, come Stati Uniti, Russia, Cina, India, Paksitan e Israele, hanno pensato bene a non presentarsi e fra i firmatari europei fanno eccezione la Romania, che è anche paese produttore, la Grecia, la Lettonia, la Finlandia, Cipro e la Polonia (anch'essa paese produttore), che fin dall'inizio ha rifiutato di partecipare al processo "in virtù della sua posizione atlantista", mentre si sono uniti ai firmatari: Serbia, Croazia e Bosnia. Firmatari del trattato in tutto saranno 103 paesi fra cui Canada, Venezuela, Perù, Filippine e numerosi paesi africani.

Cosa sono queste bombe a grappolo.
La CBU (cluster bomb unit) 26, largamente impiegata in Laos, è una bomba a frammentazione che consiste in un grosso guscio contenente 670 "bombette" della grandezza di una palla da tennis, ciascuna delle quali contiene 300 frammenti metallici. Se tutte le bombe esplodono, circa 200.000 frammenti d’acciaio sono sospinti sopra un’area della grandezza di parecchi campi di calcio, creando una zona di possibile sterminio totale.
Poiché i frammenti viaggiano ad alta velocità, quando colpiscono le persone producono onde pressorie all’interno del corpo che determinano danni orribili ai tessuti molli e agli organi interni: perfino un solo frammento che colpisce una persona può far esplodere l’intestino. E questi non sono effetti collaterali inattesi o sfortunati: le bombe infatti sono state progettate per questi scopi.
Le bombe inesplose (circa il 10-30%) rimangono sul terreno diventando delle super mine anti-uomo che possono esplodere in seguito al minimo contatto e i bambini rappresentano un’alta pecentuale di vittime in questo contesto in quanto sono attratti dai colori brillanti e dalla forma curiosa delle "bombette".
Le bombe a grappolo diventano meno stabili e più pericolose con il passare del tempo. Nel Laos quasi ogni giorno vi sono vittime di bombe gettate più di 30 anni fa. Con una stima approssimativa di 10 o più milioni di bombe inesplose, queste morti potrebbero continuare a presentarsi per decenni.

La WDU-4, usata in Indocina, conteneva 6.000 freccette metalliche che venivano rilasciate poco sopra le teste delle vittime. Testimoni affermano che tali bombe letteralmente inchiodavano la gente al suolo. Le CBU- 41 contengono "bombette" riempite con il naplam, le CBU-89 disperdono mine, e l’Honest John trasporta 368 bombette riempite con gas nervino sarin. Le CBU-87 sono state largamente usate dagli Stati Uniti durante la Guerra del Golfo, durante la Guerra del Kosovo e quella in Afghanistan, ed hanno tre meccanismi mortali: anti-uomo, anti-carro e incendiario (cioè colpiscono gli uomini, i mezzi e quindi, per finire, incendiano l’ambiente). I bombardieri B1 possono trasportare abbastanza bombe a grappolo da coprire un aerea di 350 campi di football. 
  
 
Durante la guerra del golfo più di 30 milioni di "bombette" furono gettate sul Kuwait e l’Iraq e, nei mesi successivi, bombe inesplose uccisero 1600 civili e ne ferirono altri 2500.
Secondo un recente studio della Croce Rossa, i civili nella guerra in Kosovo hanno avuto una probabilità 5 volte superiore di essere rimasti uccisi o feriti dalle bombe della NATO inesplose piuttosto che dalle mine anti-uomo dei Serbi;
Oggi, in Afghanistan, l’uso da parte degli Stati Uniti di bombe a grappolo sta causando lo stesso genere di conseguenze per i civili.

Secondo le stime di funzionari ONU, sarebbero un milione le bomblets (o submunizioni, i piccoli ordigni esplosivi contenuti all' interno delle bombe a grappolo) inesplose e disseminate nel territorio del Libano meridionale da Israele, superando così di gran lunga il numero dei 650.000 abitanti della regione. Sono rimaste incastrate tra i rami degli olivi, tra le grandi foglie dei banani. Sono sui tetti, mischiate alle macerie e sparse nei campi, nelle fattorie, lungo le strade, i sentieri e nei cortili delle scuole.

Questa è la guerra signori, questo è terrorismo legalizzato, ma sempre di terrorismo si tratta.

fonti: italy.indymedia.org - comedonchisciotte.net - nytimes.com - peacelink.it - wikipedia - ansa.it - apcom.it


sfoglia     settembre        dicembre
 

 rubriche

Diario
politica est.
politica int.
archeologia
cultura e società
pirati
amenità..foto..
arte
storia, misteri, religione
Difesa Personale, Arti Marziali, Discipline da combattimento...

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

ABSPP.ORG
ADNKRONOS
AGORAVOX
ALAIN DE BENOIST
ALJAZEERA magazine
ALTRAINFORMAZIONE
ANARCHISTS.THE.WALL
ANSA
ARAB MONITOR
ARCOIRIS
ARIANNA EDITRICE
AS.ZAATAR
AURORA INF.
AZIONE TRADIZIONALE
BABELMED
BELLACIAO
BEPPEGRILLOBLOG
BODYONTHELINE
CAFEBABEL
CANI SCIOLTI
COC
COMUNITAPOPOLI
CORRIERE
CRITICAMENTE.INF.
DAILALAMA
DECRESCITA FELICE
DI PIETRO A.
DONCHISCIOTTE
DISINFORMAZIONE
E=MCALQUADRATO
EFFEDIEFFE
EMERGENCY
ESPERIA
FORUMPALESTINA
FIORE
FREEGAZA
FULVIOGRIMALDI
GENNARO CAROTENUTO
GIANLUCA FREDA
GIORNALEDEL RIBELLE
GLISCOMUNICATI
GRANDMERE
ILGIORNALE
IL MANIFESTO
ILMATTINO
ILRIFORMISTA
ILSOLE24ORE
INFORMAZIONE.IT
INTERNAZIONALE.IT
IMMEDIA
INFOPALEST.
ILMESSAGGERO
LAPADANIA
LAREPUBBLICA
LIBERAZIONE
IL MANIFESTO
LASTAMPA
LUOGOCOMUNE
L'UOMO LIBERO
MASSIMO FINI
MOVIMENTOZERO
MARCOTRAVAGLIO
MICROMEGA
NADIA
NEOZOTICO
NEWYORKTIMES
NEXUS
NOREPORTER
OPPOSTA DIREZIONE
PICCOLEONDE
PRESSANTE
RACCONTI
RAINEWS24
RITA PANI
SCALPO
SIMONEblogspot
SAIGON
STAMPAELIBERTA'
TERRA SANTA
TERRE LIBERE
VALIGETTA
VITTORIO ARRIGONI
WARNEWS
WIKILEAKS

Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom