.
Annunci online

  aleiorio Pensiero e Azione
 
Diario
 


 

 

Questo blog non è a scopo
di  lucro,  non  rappresenta
una  testata giornalistica in
quanto  viene  aggiornato
senza  alcuna  periodicità.
Non è pertanto un prodotto
editoriale  ai   sensi  della 
legge n. 62 del 7.03.2001.
Immagini  e foto  vengono 
perlopiù prese da internet,
qualora   dovessi   violare
diritti vari, comunicatelo e 

provvederò alla rimozione
del materiale. 

  
 

 http://www.wikio.it
  
il Taggatore
 
MigliorBlog.it

BlogItalia.it - La
directory italiana dei blog

Aggregatore notizie RSS

Il Bloggatore

 

Blog Directory

Blog360gradi - L’aggregatore di notizie a 360°
provenienti dal mondo dei blog!

Independent Political Blogs - BlogCatalog Blog Directory

Palestine Blogs - The Gazette

 Visita Top Amici di Web-Link!

 Visita Top Amici di Web-Link!

 Bookmark and Share

 Palestine Blogs - The Gazette
   Sabbah Report - Because Silence Is Complicity!

  La Top dei Super Siti

Locations of visitors to this page

 


28 giugno 2011

LIBIA - A FIANCO DEI GOLPISTI


Si, torno a scrivere...in alcuni momenti della vita è giusto prendere delle pause, poi si torna più forti di prima, almeno lo spero.

Ho molto da raccontarvi ed ho deciso di iniziare dalla Libia, dove la bandiera della monarchia di re Idris (chi l'avrebbe mai detto), che simboleggiava il dominio delle ex potenze coloniali è tornata a sventolare per mano di un manipolo di "insorti" o "ribelli" che, con l'aiuto delle potenze straniere occidentali, vuole prendere il pieno controllo dei pozzi petroliferi.

Vi vogliono fra credere che il colpo di Stato, perché di questo si tratta, vede coinvolta la maggioranza del Popolo libico, gente che non conosce disoccupazione, persone che con una popolazione di 6000000 di individui su un territorio esteso più di cinque volte quello italiano danno lavoro a tutto il Nordafrica fino alla lontana Cina. Nessuno dei nostri governanti voleva l'entrata in guerra dell'Italia, eppure oggi siamo in quel Paese straniero, a fianco di bande criminali e di criminali stanieri legittimati dalle menzogne di quei Paesi che stanno riducendo questo Pianeta ad una interminabile distesa di morte, saccheggi e distruzione.

L’”Operazione Libia” fa parte della più ampia agenda militare in Medio Oriente e dell’Asia centrale, che consiste nel l’avere il controllo e la proprietà aziendale di oltre il sessanta per cento delle riserve mondiali di petrolio e gas naturale, compreso gli oleogasdotti. “I paesi musulmani tra cui Arabia Saudita, Iraq, Iran, Kuwait, Emirati Arabi Uniti, Qatar, Yemen, Libia, Egitto, Nigeria, Algeria, Kazakhstan, Azerbaijan, Malaysia, Indonesia, Brunei, possiedono tra il 66,2 e 75,9 per cento delle riserve petrolifere totali, a seconda della fonte e della metodologia della stima.” (Si veda Michel Chossudovsky, La “demonizzazione” dei musulmani e la battaglia per il petrolio, Global Research, 4 gennaio 2007).
Con 46,5 miliardi di barili di riserve accertate, (10 volte quelle dell’Egitto), la Libia è la più grande economia petrolifera del continente africano, seguita da Nigeria e Algeria (Oil and Gas Journal). Al contrario, le riserve accertate di petrolio degli Stati Uniti sono dell’ordine dei 20,6 miliardi di barili (dicembre 2008) secondo la Energy Information Administration. (US Crude Oil, Natural Gas, and Natural Gas Liquids Reserves).

Saluti a tutti



15 aprile 2011

Ciao ViK!


 Ciao grande Vik!


6 febbraio 2011

Io che non sono nipote di Mubarak, o di Frattini, posso gridare ad alta voce la Libertà per qualunque Popolo oppresso dai regimi, da ogni parte della Terra esso provenga.


Dopo la cacciata del dittatore tunisino i venti di protesta stanno soffiando in tutta l’Africa del Mediterraneo e da giorni infiammano le anime di cento milioni di egiziani contro il tiranno Mubarak e non si tratta di “Pulsioni estremiste islamiche”, come ci vuole far credere Frattini, il quale sottolinea l’appoggio al despota dichiarando: “Speriamo che il presidente egiziano Mubarak continui, come ha sempre fatto, a governare il suo paese con saggezza e lungimiranza" , si, avete letto bene, con la saggezza di un uomo al potere da trenta anni con l’inganno, che con il doppiogiochismo guarda le spalle di Israele e prende favori americani in denaro e tante, tante armi ed è sempre il nostro ministro a sottolineare come tutto il mondo consideri l'Egitto "punto di riferimento per il processo di pace che non può venire meno”. Il processo di pace che vuole l’annientamento del Popolo Palestinese? Il processo di pace che  inventa terroristi in ogni ostacolo al processo imperialista dell’armata uesei? Il processo di pace che con le guerra all’Iraq e all’Afghanistan ha seminato così tanta distruzione?

Ha ragione Fidel quando afferma che il presidente Obama "non ha modo di gestire il manicomio che gli Stati Uniti hanno creato in Tunisia e in Egitto” …E il resto è Storia, non sono opinioni. Auguri al Popolo Egiziano.

E per un sorriso amaro:

In Egitto la protesta continua ad espandersi. Mubarak in nottata avrebbe chiesto asilo politico in Italia dicendo di essere lo zio di Ruby.

La moglie di Mubarak è scappata a Londra. Voleva venire in Italia ma…voi lo direste ad un doganiere: “sono la moglie di Mubarak” ?

L'Egitto si ribella a Mubarak. L'Italia pesca una carta e passa il turno.

Cairo: dispersi i manifestanti. Roma: data per dispersa l'opposizione.

Mubarak telefona a Berlusconi: "Ciao, sono lo zio di Ruby ... mi  puoi dare una mano?".

Egitto. La polizia spara sui manifestanti. Lì sì che si lavora, altro che accompagnare le escort.


28 gennaio 2011

Grande Capo Culo Flaccido

Un tempo, quando da ragazzini leggevamo i fumetti sull'epopea del West, ci si imbatteva nei "musi rossi" e nel "viso pallido".
Oggi, molto più prosaicamente, nello sfogliare le squallide e grottesche cronache del Rubygate si sbatte contro il ... "culo flaccido" di Mister B.





l'ho trovata carina e l'ho copiata da qui:
http://frisbee.ilcannocchiale.it


24 gennaio 2011

CUFFARO PIANGE A REBIBBIA, MENTRE LA GNOCCA IN ITALIA IMPERA


      L’ultima volta che ho scritto di Cuffaro è stato circa due anni fa, vi ricordate di quando si rifugiò nel Congo per spalleggiare la “DC” locale? Certo, di questo mignottaio di Paese avrei dovuto scrivere di prostitute, papponi e malati di mente, ma il nesso c’è, il legame fra i cuffaro e i vertici di certa politica sono indissolubili.

La Cassazione ha confermato la condanna a sette anni di reclusione per favoreggiamento aggravato alla mafia e rivelazione di segreto istruttorio; almeno non si è dato alla fuga come fece a suo tempo Craxi, che oggi si ritrova inaugurata una piazza in quel di Lissone, o come fa da diverso tempo il suo pupillo, premier acclamato dagli italioti.

Appena arrestato ha ricevuto visite da Compagna, senatore del Pdl  e insieme si sono commossi, “hanno pianto insieme” scrivono su la Repubblica, mentre Alfano (ricordo: ministro della Giustizia) ci tiene a dichiarare che non ci sarebbe alcun “nesso” tra la vicenda dell'ex governatore della Sicilia e quella di Berlusconi, che ha deciso di non recarsi dai pm di Milano: “Uno è condannato, l'altro semplicemente indagato. E non è vero che non va dai magistrati, perché non va dai pm, ma si recherà davanti ai suoi giudici naturali”.

Fra cani …


7 gennaio 2011

Afghanistan - Gli eroi?!

Afghanistan - Gli Eroi?!



     Qualcuno, che frigna dalla mattina alla sera su Facebook ed altri ancora, che sono inorriditi dal mio blog e hanno gridato allo scandalo inventandosi ipocrite filosofie sulle guerre in cui sono coinvolti i loro militari nelle loro missioni pace, dovrebbero ora spiegarmi per quale causa è morto l’ultimo soldato ucciso in Afghanistan.
Io lo dico apertamente, è morto mentre faceva la guerra e la guerra è guerra, come predico da sempre.
Vi ricordate quando in Iraq bastava che uno in divisa, appartenente alla cricca occidentale, sparasse un peto e sulle sue gesta venivano scritti poemi epici da far concorrenza ai Nibelunghi ? Erano tutti eroi, compresi i balordi mercenari inviati in Paesi stranieri a seminare morte e distruzione. Ora no, qualcosa comincia a cambiare, non si parla più di eroi, non conviene, visto lo svolgersi dell’occupazione dell’Iraq, non conviene, ora che i governi hanno mosso tutte le carte dei loro giochetti infernali.
Matteo è stato prima sparato da un cecchino (!?), poi è morto durante un’operazione di bonifica (!?), poi in un conflitto a fuoco dove i terroristi (!?) hanno però avuto la peggio…ma, si precisa: “I terroristi sono stati tutti ammazzati da un intervento aereo americano dopo pochi minuti”.
Insomma, vorrei sentire ancora cosa hanno da dire su questa e su quelle guerre, loro persone perbene, di destra e di sinistra, liberali e all’occorrenza radicali, berlusconiani secondo le esigenze, sempre ipocriti, vigliacchi e in malafede, sempre responsabili della morte di tanti disgraziati. Coraggio, avanti!


1 gennaio 2011

AUGURI


Pensierino di Capodanno:

da oggi sarò meno buono!
   Un anno fa così più o meno scrivevo, ma come si poteva supporre poco è cambiato ed oggi mi ritrovo più vecchio e fregnone di prima. Pazienza, ho quel che merito e non posso lagnarmi, no, anzi, sono un privilegiato...devo imparare a parlar meno...ma non è di me che devo scrivere.
   Auguro un futuro migliore ai miei amici elettronici, a quelli che mi compendono e a quelli che ci provano...Auguro un futuro migliore a chiunque abbia condiviso con me almeno un sorriso...Auguro un futuro migliore ai miei figli naturali e non...Ma soprattutto auguro un futuro migliore a tutta quella gente che ora subisce il braccio violento della crudeltà umana: ai bambini e ad ogni gente bersaglio degli occupanti stranieri e a chiunque soffra per mano di un despota o un usurpatore.
   Un augurio di cuore a chiunque lotti per la libertà e un piccolo augurio anche a me...non si sa mai.
   Salute amici elettronici!



22 dicembre 2010

PROTESTA STUDENTESCA



Coerenti questi "nostri" governanti.

"Sono costretto a protestare a nome della città contro le decisioni assunte dalla sezioni II e V del tribunale di rimettere in libertà in attesa di giudizio quasi tutti imputati degli incidenti del giorno 14". Gianni Alemanno, sindaco di Roma, se la prende con i magistrati. Un agguato contro un 23enne, una molotov contro l'ambasciata Urss, un tentativo di bloccare il corteo di Bush padre a Roma. Tre volte accusato, con 8 mesi di carcere. Poi sempre assolto.

Novembre 1981 per aggressione di uno studente di 23 anni. (Ansa, 20/11/1981)

Nel 1982 viene fermato per aver lanciato una molotov contro l’ambasciata dell’Unione Sovietica a Roma, scontando poi 8 mesi di carcere a Rebibbia. (Ansa, 15/05/1988)

Il 29 maggio 1989 viene arrestato a Nettuno per resistenza aggravata a pubblico ufficiale, manifestazione non autorizzata, tentato blocco di corteo ufficiale, lesione ai danni di due poliziotti, in occasione della visita del Presidente Usa George H. W. Bush (Ansa 29 e 30/05/1989).

"E' evidente che queste persone hanno dimostrato di essere soggetti molto pericolosi per la nostra città", ha detto ancora.

Gasparri, quello dell'arresto preventivo:  "Voglio fare un appello: genitori, dite ai vostri figli di stare a casa. Quelle manifestazioni sono frequentate da potenziali assassini. Vanno evitate". Era il 1993 quando diede l"assalto" al Parlamento, insieme a numerosi missini, fra i quali Buontempo, Mania, Pasetto; quando era presidente del Fuan, l’organizzazione universitaria della destra radicale, indicava un’altra strada agli aderenti: “dobbiamo sempre porci come alternativa al sistema e mai perdere gli autobus rivoluzionari”, affermava durante il convegno “La destra e il ‘68?....ma lui era un fifone, racconta Alemanno al giornalista Luca Telese: " Il ricordo più nitido che mi viene in mente è quando un giorno, al liceo Tasso, vidi Gasparri e Tajani squagliarsela, inseguiti dagli altri studenti»  Da dirigente del Fronte della gioventù, si racconta, evitava qualsiasi tipo di scontro e oggi è uno dei pochi superstiti politici di quegli anni che non porta addosso nessun segno tangibile.

Sono in molti che da parlamentari sono divenuti sprezzanti del pericolo e ricordo gli episodi della Lega in cui il caporione Maroni cercò di fermare l'avanzata dei poliziotti durante la perquisizione di una sezione leghista: condannato definitivamente a 4 mesi e 20 giorni di reclusione per resistenza e oltraggio a pubblico ufficiale....

Auguri ragazzi e usate la testa.



sfoglia     aprile       
 

 rubriche

Diario
politica est.
politica int.
archeologia
cultura e società
pirati
amenità..foto..
arte
storia, misteri, religione
Difesa Personale, Arti Marziali, Discipline da combattimento...

 autore

Ultime cose
Il mio profilo

 link

ABSPP.ORG
ADNKRONOS
AGORAVOX
ALAIN DE BENOIST
ALJAZEERA magazine
ALTRAINFORMAZIONE
ANARCHISTS.THE.WALL
ANSA
ARAB MONITOR
ARCOIRIS
ARIANNA EDITRICE
AS.ZAATAR
AURORA INF.
AZIONE TRADIZIONALE
BABELMED
BELLACIAO
BEPPEGRILLOBLOG
BODYONTHELINE
CAFEBABEL
CANI SCIOLTI
COC
COMUNITAPOPOLI
CORRIERE
CRITICAMENTE.INF.
DAILALAMA
DECRESCITA FELICE
DI PIETRO A.
DONCHISCIOTTE
DISINFORMAZIONE
E=MCALQUADRATO
EFFEDIEFFE
EMERGENCY
ESPERIA
FORUMPALESTINA
FIORE
FREEGAZA
FULVIOGRIMALDI
GENNARO CAROTENUTO
GIANLUCA FREDA
GIORNALEDEL RIBELLE
GLISCOMUNICATI
GRANDMERE
ILGIORNALE
IL MANIFESTO
ILMATTINO
ILRIFORMISTA
ILSOLE24ORE
INFORMAZIONE.IT
INTERNAZIONALE.IT
IMMEDIA
INFOPALEST.
ILMESSAGGERO
LAPADANIA
LAREPUBBLICA
LIBERAZIONE
IL MANIFESTO
LASTAMPA
LUOGOCOMUNE
L'UOMO LIBERO
MASSIMO FINI
MOVIMENTOZERO
MARCOTRAVAGLIO
MICROMEGA
NADIA
NEOZOTICO
NEWYORKTIMES
NEXUS
NOREPORTER
OPPOSTA DIREZIONE
PICCOLEONDE
PRESSANTE
RACCONTI
RAINEWS24
RITA PANI
SCALPO
SIMONEblogspot
SAIGON
STAMPAELIBERTA'
TERRA SANTA
TERRE LIBERE
VALIGETTA
VITTORIO ARRIGONI
WARNEWS
WIKILEAKS

Blog letto 6614908 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0

Feed ATOM di questo blog Atom